Conservazione cordone ombelicale

Torna a camminare grazie all’infusione di cellule staminali

Un uomo a cui i medici avevano detto che non avrebbe mai più camminato sta ora compiendo i primi passi grazie a un trattamento basato sull’impiego di cellule staminali. Si tratta di Shawn, un quarantaduenne originario dello Utah, che ha sorpreso i medici grazie a un nuovo trattamento con cellule staminali adulte.

Sai cosa sono le cellule staminali? Sai che puoi raccogliere e conservare quelle presenti nel cordone ombelicale del tuo bambino? Per avere maggiori dettagli su conservazione cordone ombelicale e cellule staminali clicca qui e scarica gratuitamente la guida informativa.
Link sponsorizzato

 

Quindici anni fa Shawn ha cominciato a sentire dolore e affaticamento, poi la sua salute si deteriorò rapidamente. “Ho scoperto di essere affetto da una malattia spinale chiamata mielite trasversa” ha detto Shawn. Si tratta di una malattia autoimmune che provoca il deteriorarsi del nervo che termina nel midollo spinale.

In poco più di un anno, Shawn era paralizzato dal petto giù. Cinque diversi medici hanno detto a Shawn che non avrebbe mai più camminato. Questo finché egli non acconsentì a sottoporsi ad un trattamento sperimentale presso il National Institute of Health, nel Maryland, che prevedeva il trattamento con cellule staminali adulte.

Terapie con cellule staminali si stanno dimostrando promettenti nel trattamento di lesioni del midollo spinale, problemi di cuore, diabete, lupus, Parkinson e contro la sclerosi multipla. Ma la ricerca non è ancora arrivata a dati certi.

Shawn si è sottoposto al trattamento con cellule staminali sei anni fa. Oggi in grado di camminare fino a mezzo miglio sul tapis roulant – un successo enorme considerando che solo pochi anni fa l’unica cosa che poteva fare era muovere l’alluce.

La storia di Shawn è stata riportata dal quotidiano locale foxbaltimore.com dove è anche disponibile una sua video intervista.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *