conservazione cordone ombelicale

Torino: nasce un centro di eccellenza per la medicina rigenerativa

conservazione cordone ombelicaleUna nuova ricerca made in Torino ha portato alla scoperta di una nuova terapia basata sull’impiego di cellule staminali per la cura di malattie di reni e fegato e di alcune malattie genetiche infantili mortali.

Grazie alle cellule staminali, sarà inoltre possibile sui deficit del ciclo dell’urea ripristinando il corretto ciclo e ristabilendo nei pazienti le condizioni ottimali per un trapianto. La ricerca è partita nel 2003 ed è stata portata a compimento dai ricercatori dell’università di Torino, guidati dal Prof. Giovanni Camussi, presidente del corso di Biotecnologie Mediche.

Vuoi saperne di più sulle potenzialità delle cellule staminali? Clicca qui e leggi la guida sulle cellule staminali e la conservazione del cordone ombelicale che spiega perché sono importanti per la salute di tutta la famiglia.

La ricerca è attualmente al vaglio dell’Istituto Superiore della Sanità e dovrà poi superare il controllo del Comitato etico della Città della Salute, prima di poter approdare alla fase clinica. “L’obiettivo è quello di passare dalla fase della ricerca alla potenziale applicazione clinica”, ha dichiarato Ezio Ghigo, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Questi ed altri gli obiettivi del nuovo centro di eccellenza che sorgerà a Torino. E’ stata infatti siglata a fine settembre scorso una convenzione tra Università degli Studi di Torino, Città della salute e della Scienza e il gruppo internazionale Fresenius Medical Care che prevede la creazione del Centro di ricerca e sviluppo in Medicina rigenerativa.

L’investimento per la creazione del polo di eccellenza potrebbe arrivare nei prossimi anni fino agli 80 milioni di euro. Secondo Angelo Del Favero, Direttore della Città della Salute e della Scienza, si tratta di “una importante opportunità in un settore di grande interesse, quello della medicina rigenerativa per il trattamento delle malattie acute di fegato e reni”.

Fonte immagine:  Nayma Lemmon – Flickr.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *