Spermatozoi selezionati per fecondazione in vitro

Spermatozoi selezionati per ottimizzare la fecondazione in vitro

Grazie a un percorso a ostacoli ad hoc, i medici potranno selezionare gli spermatozoi più veloci e sani per la fecondazione in vitro

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Una tecnica per selezionare gli spermatozoi migliori potrebbe rendere più efficace la fecondazione in vitro. In questo modo le donne si dovranno sottoporre a meno cicli, con un tasso di successo maggiore. La notizia arriva dai ricercatori del Worcester Polytechnic Institute (WPI) e della Stanford University.

Solo i migliori

I ricercatori hanno elaborato una sorta di percorso ad ostacoli per spermatozoi. Quelli più sani e vigorosi vengono usati per la fecondazione in vitro.

L’apparecchio usato per la corsa ad ostacoli è un dispositivo microfluidico chiamato SPARTAN. La macchina usa un percorso tridimensionale nel quale vengono posizionati gli spermatozoi. In base alle loro performance, i ricercatori li prelevano e li usano per fecondare gli ovociti.

Il metodo tradizionale prevede la scelta degli spermatozoi più veloci. SPARTAN non si limita alla velocità, ma analizza anche la forza delle cellule. Grazie agli ostacoli esclude gli spermatozoi malformati, come quelli aventi una testa troppo grande. In questo modo seleziona non solo spermatozoi mobili, ma anche dotati di un DNA integro.

SPARTAN ha anche il pregio di evitare stress eccessivi alle cellule. Le centrifughe usate di solito, infatti, potrebbero danneggiare gli spermatozoi. Inoltre è utilizzabile direttamente in clinica, il che permette di non congelare lo sperma e di usarlo subito.

Meno stress e meno tempo

La nuova tecnica potrebbe far risparmiare, stress, tempo e soldi a centinaia di famiglie. Si calcola che negli Stati Uniti ogni ciclo di fecondazione in vitro costi circa $15.000. Selezionando meglio gli spermatozoi, si dovrebbe ridurre il numero di cicli necessari per arrivare alla gravidanza.

Fonte: wpi.edu

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *