Effetti sangue cordonale sulla memoria

Il sangue cordonale aiuta la memoria

Uno studio dell’Università di Stanford ha esaminato gli effetti del sangue cordonale sulla memoria e sulle funzioni cognitive, specie nei più anziani

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Con l’avanzare dell’età si verifica una significativa riduzione delle nostre funzioni cognitive. Nel peggiore dei casi, questo processo naturale sfocia in malattie neurologiche anche gravi. I ricercatori dell’Università di Stanford hanno testato gli effetti del sangue cordonale sul cervello, per cercare di fermare il processo,

Linfa vitale per il cervello

Il team ha ipotizzato che il plasma prelevato dal sangue del cordone ombelicale potesse rivitalizzare un cervello anziano. Hanno quindi somministrato il fluido ad alcune cavie di diverse età ogni quattro giorni per due settimane. Le iniezioni sono avvenute direttamente nell’ippocampo, centro della memoria.

Dopo le iniezioni, i ricercatori hanno messo i topi più anziani in un labirinto e hanno confrontato le performance con quelle di un gruppo di controllo. I topi trattati con il sangue cordonale hanno dimostrato di avere più memoria e di sapersi orientare meglio.

Tutto merito di una proteina

Il merito pare essere di una proteina presente nel sangue del cordone ombelicale, il TIMP2. I ricercatori l’hanno estratta dal sangue cordonale e l’hanno iniettata nelle cavie. Le cavie così trattate hanno avuto risultati identici a quelli trattati con l’intero sangue cordonale.

Fonte: medicalnewsbulletin.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *