Ringiovanire il DNA ribosomale

I moscerini ci insegneranno a ringiovanire le cellule staminali?

Uno studio sui moscerini della frutta ha rivelato in che modo è possibile ringiovanire il DNA ribosomale delle cellule staminali

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno scoperto che il DNA ribosomale dei moscerini della frutta può ringiovanire. La scoperta potrebbe aiutare la ricerca su invecchiamento e cellule staminali.

Il ruolo del DNA ribosomale

L’rDNA trasporta il codice che serve per produrre l’RNA ribosomale, ovvero il meccanismo molecolare dietro la produzione di proteine. Il DNA ribosomale si ripete nel genoma, il che permette alle cellule staminali di continuare a funzionare. Purtroppo con il passare del tempo diventa sempre più instabile.

Quando l’rDNA diventa instabile, è possibile che nel corso del processo di copia perda qualche pezzo. Tutto questo riduce la sopravvivenza delle cellule staminali e dell’organismo in toto. Un processo presente in tutti gli animali, ma evidente in particolare in quelli molto piccoli e semplici. Come i moscerini della frutta, appunto.

I ricercatori hanno esaminato le cellule staminali dei moscerini della frutta maschi. I soggetti più anziani avevano cromosomi Y ridotti, risultato della perdita di DNA ribosomale. La loro prole, quindi, iniziava la propria vita già più vecchia dei coetanei figli di soggetti più giovani.

Gli scienziati hanno estratto alcune copie di geni di rDNA anziano e l’hanno trasmesso alla prole. Nel giro di 10 giorni, il DNA ribosomale troppo corto della prole si era ripreso.

Secondo uno degli autori dello studio, la scoperta di questo ringiovanimento avrebbe molte applicazioni nello studio delle cellule staminali. Si potrebbe ridurre l’impatto dell’età sul corpo. Si potrebbe anche usare questo meccanismo al rovescio, per fermare l’espansione di un tumore.

Fonte: michigandaily.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *