Cellule del cordone ombelicale per la retina

Rigenerare la retina dalle cellule del cordone ombelicale

Dall’Università di Zagazig arriva uno studio sull’uso delle cellule del cordone ombelicale nella rigenerazione della retina

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Una delle principali cause di perdita della vista è la neuropatica ottica traumatica, ovvero il trauma del nervo ottico. Molte ricerche in corso prevedono il trapianto di cellule staminali sistematicamente o localmente, così da rigenerare la retina danneggiata. Uno studio dell’Università di Zagazig ha analizzato però gli effetti delle cellule del cordone ombelicale sulle lesioni della retina. I primi risultati sono stati positivi.

I ricercatori hanno usato cellule staminali del cordone ombelicale umane su modelli animali con danni alla retina crio-indotti. La sperimentazione ha incluso 48 cavie, divise in 4 gruppi principali:

  • gruppo I, con 18 soggetti di controllo sani;
  • gruppo II, con 10 cavie lesionate lasciate prive di trattamenti;
  • gruppo III, con 10 cavie lesionate trattate con cellule staminali del cordone ombelicale iniettate per endovena;
  • gruppo IV, con 10 cavie lesionate che hanno ricevuto l’iniezione direttamente nelle retina.

Secondo lo studio, le analisi successive hanno mostrato un persistere dei danni alla retina nelle cavie lasciate senza trattamenti. Le cavie dei gruppi III e IV, invece, hanno mostrato una struttura della retina quasi normale. I ricercatori hanno inoltre usato il metodo della PCR quantitativa in tempo reale, così da valutare la differenziazione delle cellule staminali all’interno dei tessuti.

Le analisi non hanno mostrato alcuna differenziazione delle cellule staminali all’interno dei tessuti. Le cavie dei gruppi III e IV hanno però mostrato un netto miglioramento della struttura morfologica della retina. Questo grazie alla modulazione dell’ossidazione delle cellule della retina, che ne ha provocato la morte in numero notevolmente più ridotto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *