Parto pretermine e sistema immunitario del feto

Il parto pretermine è causato dal sistema immunitario del feto?

Il parto pretermine potrebbe essere causato da un’intolleranza del sistema immunitario fetale verso l’organismo materno, più che viceversa
Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Uno studio ha messo a confronto bambini nati pretermine e bambini nati dopo la 37a settimana. Sono così emerse differenze immunologiche nel sangue cordonale dei due gruppi. Secondo i ricercatori, il parto pretermine sarebbe collegato a una sorta di intolleranza del feto verso la madre. La teoria va contro quella tradizionale, che assegna tutta la colpa al sistema immunitario materno.

Il ruolo delle infiammazioni nei parti prematuri

Ci sono molte ragioni per cui una donna può entrare in travaglio prima del tempo. Una di queste è legata all’infiammazione. Il feto disturba il sistema immunitario materno, che reagisce con un’infiammazione che stimola il travaglio prematuro. Durante la gestazione, però, la tolleranza immunitaria va in due direzioni.

Così come il sistema immunitario della madre deve tollerare il feto, quello del feto deve tollerare la madre. Ciononostante, gli esperti hanno sempre dato per scontato che il sistema immunitario fetale fosse troppo immaturo per avere un ruolo rilevante. Il team del dottor Tippi MacKenzie è andato contro questo pensiero diffuso.

Un sistema immunitario più maturo del previsto

Il concetto di immaturità del sistema immunitario deriva dagli studi sui topi. I piccoli delle cavie nascono in effetti con un sistema immunitario immaturo. Studi recenti stanno però smentendo queste posizioni. Il sistema immunitario neonatale sarebbe funzionale e in grado di contrastare l’organismo materno.

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno esaminato il sangue cordonale di 89 bambini nati a termine e di 70 bambini prematuri. Nel caso di questi ultimi, le madri erano entrate in travaglio a causa della rottura delle acque. La condizione è associata con un’infezione in corso.

Il sangue cordonale dei bambini prematuri tendeva ad avere alti livelli di cellule infiammatorie. Inoltre, nel sangue dei bambini nati con parto pretermine erano presenti più cellule materne e linfociti T più attivi. Di contro, i linfociti T delle madri erano molto meno reattivi alle cellule fetali rispetto alla media. Ciò significa che un’eventuale intolleranza sarebbe partita dal feto, non dalla madre.

Fonte: the-scientist.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *