IVF e medicina di precisione

IVF e medicina di precisione sono legate a doppio filo

La diagnosi genetica preimpianto è uno strumento prezioso per ridurre l’incidenza delle malattie ereditarie, anche se non è utilizzabile in tutti i casi

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Prevenire è molto meglio che curare. Ecco perché il futuro della medicina di precisione sta nella fecondazione in vitro o IVF. Grazie alla fecondazione assistita, già oggi è possibile evitare la trasmissione di alcune malattie genetiche. In questo modo si risparmiano sofferenze e spese mediche sia al soggetto sia alla sua famiglia.

Cos’è la diagnosi genetica preimpianto

Nella fecondazione in vitro si combinano ovociti e spermatozoi in laboratorio. Si ottengono così degli embrioni da impiantare nell’utero, in modo che si sviluppino. La diagnosi genetica preimpianto (PGD) serve a individuare gli embrioni migliori da usare. Nel caso uno dei genitori sia portatore di una malattia genetica, permette inoltre di scegliere solo gli embrioni privi del gene mutato.

Un tempo per la diagnosi genetica preimpianto bisognava rimuovere un campione di tessuto. A quel punto i medici usavano tinte fluorescenti particolari per individuare le anomalie cromosomiche principali. Oggi la procedura si è fatta molto più sofisticata ed è possibile sequenziare tutto il genoma senza danneggiare l’embrione.

Un’arma contro le malattie genetiche

L’uso della PGD nella lotta contro le malattie genetiche risale ai primi anni 2000. Fu allora che i medici iniziarono a usare la diagnosi genetica per rilevare mutazioni genetiche specifiche. Una delle prime applicazioni fu contro la fibrosi cistica, in caso di uno o più genitori portatori della malattia.

Il metodo non è ancora perfetto. Consente però di affrontare molte malattie ereditarie, almeno per le coppie che sanno di essere a rischio. Purtroppo, questa tecnologia è ancora troppo poco usata. Si calcola che negli Stati Uniti si potrebbe prevenire circa il 20% delle malattie congenite. Parliamo di 60.000-12.000 gravidanze a rischio ogni anno.

Fonte: forbes.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *