Insulina aiuta cellule staminali embrionali

L’insulina aiuta le cellule staminali embrionali

Secondo uno studio danese, i livelli di insulina nel sangue materno determinano in che modo le cellule staminali embrionali si differenzieranno

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Una ricerca del centro DanStem dell’Università di Copenhagen svela il ruolo dell’insulina nello sviluppo embrionale. A seconda dei livelli dell’ormone, le cellule staminali embrionali formano le varie parti dell’embrione e della placenta. Se c’è molta insulina, si specializzano in altre cellule dell’organismo. Se invece ce n’è poca, diventano le staminali che formano la placenta.

Lo studio

I ricercatori stavano studiando come le cellule staminali rispondono ai segnali prodotti dalle altre cellule. In particolare, stavano analizzando in che modo spingere le cellule staminali a specializzarsi nelle tipologie desiderate. Hanno così scoperto che certi fattori in combinazione con l’insulina spingono le staminali a non differenziarsi.

Aggiungendo insulina al liquido di coltura le cellule staminali rimaneva tali. Eliminandola, invece, si specializzavano in una tipologia di endodermi. Ciò suggerisce che l’insulina potrebbe essere un fattore chiave nello sviluppo dell’embrione, specie nelle prime fasi. Per il momento mancano però prove concrete, che vadano oltre le semplici osservazioni.

Il ruolo delle sostanze trasmittenti

Ci sono due tipi di cellule staminali al centro dello studio, ovvero le cellule staminali pluripotenti e le cellule extraembrionali. Le prime si sviluppano nell’embrione e le seconde nella placenta e in altri organi di sostegno.

Lo studio esamina anche due sostanze di segnalazione, Nodal e Wnt, entrambe fondamentali nello sviluppo delle cellule staminali. Entrambe le sostanze possono stimolare la divisione cellulare nell’endoderma e, allo stesso tempo, nelle cellule pluripotenti. La scelta di quali cellule toccheranno dipende dai livelli di insulina.

Quando i ricercatori hanno eliminato l’insulina, le cellule staminali pluripotenti hanno smesso di dividersi. Le hanno quindi rimpiazzate le cellule dell’endoderma. Alzando i livelli di insulina, invece, è successo il contrario.

Fonte: eurekalert.org

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *