Grazie alle cellule staminali cordonali del fratello, si salva una bimba indiana affetta da mucopolisaccaridosi

La piccola Neha, affetta da una rara malattia metabolica, la mucopolisaccaridosi, ha potuto trattare la sua patologia grazie alle cellule staminali cordonali del fratello. Tali cellule erano state conservate in una biobanca in India. Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

La vita di una bambina indiana, malata di mucopolisaccaridosi, è stata salvata grazie a un trattamento basato sulle cellule staminali cordonali del fratello, conservate per alcuni anni in una biobanca.

 I primi sintomi di questa malattia metabolica si sono manifestati in Neha a un anno di età. La bambina cresceva meno rispetto agli altri bimbi della sua età, aveva già disfunzioni motorie e una displasia scheletrica, mostrava problemi cardiaci e nella vista. La mucopolisaccaridosi è una patologia genetica rara che causa una carenza di enzimi lisosomiali. Tali enzimi servono a metabolizzare i carboidrati i modo corretto e la loro assenza è responsabile di deficit gravi. I bambini che scoprono di soffrire di mucopolisaccaridosi hanno una speranza di vita di circa vent’anni.

Per trattare questa malattia, i genitori di Neha si sono affidati a un medico, che ha proposto loro di effettuare un trapianto di cellule staminali cordonali. Secondo una ricerca realizzata dall’Università di Duke, infatti, le cellule staminali cordonali provenienti da un donatore e infuse nel malato possono aiutare la creazione dell’enzima, ripristinando il metabolismo cellulare e migliorano le condizioni del paziente. Non erano però disponibili donatori compatibili con la piccola.

Nel frattempo, i genitori di Neha hanno scelto di mettere al mondo un secondo bambino,  quindi un donatore compatibile, di cui hanno scelto di conservare le cellule staminali cordonali. Il trapianto di cellule staminali cordonali è stato realizzato quando il secondogenito aveva già un anno. In seguito al trattamento, le condizioni di salute di Neha sono decisamente migliorate. La piccola ha imparato a e la sua crescita ora è più rapida. Inoltre, la sua aspettativa di vita si è dilatata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *