I sei consigli degli esperti alle neo mamme

Gravidanza: i sei consigli degli esperti

I sei consigli degli esperti alle neo mammeSarò mamma! E adesso? Cosa faccio? Niente paura! Abbiamo scandagliato il web alla ricerca dei sei migliori consigli di esperti qualificati per guidare le future mamme nel loro nuovo lifestyle.

Naturalmente prima di ogni cosa consultate il vostro medico e il vostro ginecologo di fiducia, che vi seguirà in tutte le fasi della gravidanza e vi consiglierà per tutti gli esami e i trattamenti medici più indicati. Ed ora, ecco le sei regole d’oro della futura mamma:

Aspetti un bambino? Sai che nel suo cordone ombelicale è racchiuso un patrimonio prezioso per la salute che puoi raccogliere e conservare? Informati qui.

1 Curare l’alimentazione: se non l’avete già fatto, adottate un regime alimentare equilibrato, per garantire l’apporto di tutti i nutrienti essenziali al feto.
Privelegiate il consumo di carne, per garantire l’apporto proteico e di ferro (particolarmente indicata è la carne di cavallo, ricca di ferro), di pesce, per il contenuto di proteine e grassi utili, di frutta e di verdure, che contengono acido folico (vedi il punto cinque) e non dimenticare di latte, per il calcio. Attenzione però alla cottura (cuocere sempre molto bene gli alimenti), agli insaccati e ai salumi per evitare il rischio di toxoplasmosi. In generale bisogna dire che non esistono alimenti da evitare tassativamente, limitate però l’apporto di grassi e il consumo di junk food (patatine, merendine ecc..) per evitare eccessivi aumenti di peso.

[Dr. Marcello Sergio – Medicitalia.it]

2 Smettere di fumare e di assumere alcolici: assolutamente da evitare il fumo e l’alcool che causano nascite sottopeso e predisposizione alla depressione. Tenete conto che nel latte la nicotina è quattro volte più concentrata che nel sangue materno e che spesso causa irritabilità e difficoltà ad addormentarsi nel neonato.

[Dr. Marcello Sergio – Medicitalia.it e Azienda Sanitaria Locale di Terni – Asl4.terni.it]

3 Adottare uno stile di vita attivo: se correttamente dosato e senza strafare, lo sport rilassa psicologicamente e migliora la circolazione, la digestione e la funzionalità intestinale. Se non siete particolarmente sportive è sufficiente programmare qualche passeggiata, se al contrario non potete fare a meno dello sport, assicuratevi che non comporti un rischio di traumi o sforzi fisici eccessivi.

[Azienda Sanitaria Locale di Terni – Asl4.terni.it]

4 Fare shopping! La gravidanza è anche un’ottima occasione per fare un po’ di acquisti. Certo il requisito fondamentale dei nuovi acquisti è la comodità, ma non significa che non si possa scegliere anche qualcosa di carino! Sono consigliati tessuti in fibre naturali e traspiranti mentre sono da evitare capi elasticizzati o troppo pesanti.

[Azienda Sanitaria Locale di Terni – Asl4.terni.it]

5 Assumere acido folico: se non lo avete già fatto in previsione di una gravidanza, iniziate subito ad assumere acido folico (l’assunzione è consigliata a partire da tre mesi prima di rimanere incinta e fino al termine del primo trimestre di gravidanza): è una vitamina che se assunta alle dosi indicate previene alcune gravi malformazioni come la spina bifida. Le verdure sono ricche di acido folico ma è comunque difficile assumere la dose raccomandata in gravidanza esclusivamente con l’alimentazione. Le compresse integrative possono essere prescritte dal medico e vi verranno fornite gratuitamente.

[Dottor Giorgio Visentin – Medico di Medicina Generale, Specialista in Chirurgia dUrgenza e Pronto Soccorso – Dottorvisentin.altervista.org]

Iniziare ad informarsi sulla possibilità di conservazione cordone ombelicale: Sorgente, che offre alle famiglie servizi per la conservazione cordone ombelicale, consiglia di pianificare la raccolta e la conservazione delle cellule staminali cordonali almeno uno o due mesi prima della data prevista per il parto. Per farsi un idea di tutte le possibili vie percorribili, documentarsi e capire, in modo da compiere una scelta serena e consapevole tra donazione pubblica o conservazione privata, potrebbe volerci un pochino di più. Perché allora non gaudagnare tempo e cominciare da subito a prendere informazioni?

[Sorgente.com]

Fonte immagine: mpilote – Martin Pilote – Flickr.com

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] La celiachia infatti, se non diagnosticata e curata con una dieta apposita priva di glutine, causa disturbi gastrointestinali, perdita di peso, ipocalcemia (diminuzione del calcio), carenze di ferro e vitamine, specialmente acido folico, vitamina B12 e D. L’acido folico è particolarmente importante per le donne in gravidanza. In previsione o durante una gravidanza è infatti consigliata l’assunzione di acido folico (a partire da 3 mesi prima del concepimento e fino al termine del primo trimestre di gravidanza): si tratta di una vitamina che se assunta alle dosi indicate previene alcune gravi malformazioni come la spina bifida (come spieghiamo nell’articolo “Gravidanza: i sei consigli degli esperti“). […]

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *