Gravidanza dopo un tumore

Gravidanza dopo un tumore al seno: è possibile e sicura

È possibile avere un figlio dopo un tumore al seno? È sicuro? Nonostante quanto si credeva in passato, la risposta è sì

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Uno studio internazionale dimostra che la gravidanza dopo un tumore al seno non aumenta i rischi di recidiva. Anzi, nelle donne con la variante Her 2 negativo riduce del 42% la probabilità di ammalarsi di nuovo.

Mamma dopo il cancro

Il rapporto tra cancro e maternità è complesso. Certi trattamenti riducono o annullano del tutto la fertilità del paziente. Anche quando le possibilità di rimanere incinta rimangono intatte, però, le difficoltà rimangono. Molte donne si chiedono se le fluttuazioni ormonali proprie della gravidanza provocheranno un ritorno della malattia. Ecco quindi che su un 50% di soggetti che pensano alla maternità, solo il 10% ci prova effettivamente.

Niente ricadute dopo la gravidanza

Era convinzione comune che la gravidanza aumentasse il rischio di recidive. I medici puntavano il dito in particolare contro i tumori Her 2 positivi, con recettori sensibili agli estrogeni. Queste forme di tumore rappresentano circa il 57% dei casi, il problema era quindi molto diffuso.

I ricercatori dell’Università di Macerata e dell’Istituto Europeo di Oncologia hanno smentito quanto si credeva in precedenza. Hanno seguito per 10 anni oltre 1.200 donne sotto i 50 anni sopravvissute a un tumore al seno. Lo studio non ha rivelato una maggiore incidenza di recidive dopo la gravidanza.

Non c’è alcun bisogno di scoraggiare la gravidanza dopo un tumore al seno. È però importante considerare fattori come il rischio personale di recidiva. Nei soggetti Her 2 positivi, ad esempio, il rischio è di default più alto. Ecco perché è importante parlarne prima con uno specialista.

E le terapie ormonali?

La gravidanza rende necessario interrompere la terapia ormonale adiuvante. Queste terapie possono durare anche 10 anni, coprendo quindi una buona fetta del periodo fertile della donna. Per questo motivo è importante condurre ulteriori ricerche in merito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *