Conservazione cordone ombelicale: la storia di Christian Beattie

Conservazione cordone ombelicale: trapianto di cellule staminali per trattare la leucemia

Conservazione cordone ombelicale: la storia di Christian BeattieChristian Beattie (nella foto), ciclista professionista, si è sottoposto al trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale per trattare la leucemia di cui è affetto. Per lui non era disponibile un donatore compatibile di midollo osseo, ma grazie alle staminali del cordone ombelicale ha potuto trattare la sua malattia.

Vuoi saperne di più su conservazione cordone ombelicale e cellule staminali? Clicca qui e scarica la guida gratuita!

Christian Beattie, 39 anni, dopo avere corso a livello professionale insieme ai più grandi nomi del ciclismo ha dovuto, l’anno scorso, reagire ad una diagnosi grave: leucemia mieloide acuta.

La malattia rendeva necessario un trapianto di midollo osseo ma, come accade per il 40% dei candidati a un trapianto (fonte: Fred Hutchinson Cancer Research Center) non è stato possibile trovare un donatore compatibile. Dopo aver esaurito tutte le altre opzioni di trattamento, un medico in Kansas si diede a Christian scarse probabilità di raggiungere l’età di 40 anni.

Poi un amico gli mostrò un articolo sulle ricerche del Dottoressa Colleen Delaney al Fred Hutchinson Cancer Research Center: un barlume di speranza di Beattie, uno delle 16.000 persone che ogni anno non riesce a trovare una donatore compatibile all’interno della famiglia o attraverso registri internazionali del midollo osseo.

Beattie si è quindi sottoposto a trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale. Queste cellule, meno “mature” dal punto di vista immunologico, richiedono criteri di compatibilità meno stringenti. La Dottoressa Delaney inoltre ha messo a punto una tecnica per moltiplicare in vitro il numero di cellule staminali disponibili, in modo che possano essere sufficienti anche per trattare una persona adulta.

Beattie si è quindi sottoposto al trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale ed ha lasciato l’ospedale dopo solo dieci giorni. I suoi piani comprendono ora di raggiungere e superare i 40 anni di età.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *