Lavoro e gravidanza

Consigli per conciliare lavoro e gravidanza

Per alcune donne, il rapporto tra lavoro e gravidanza è complicato. Ecco qualche consiglio per vivere la gestazione al meglio sul posto di lavoro

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Il rapporto tra lavoro e gravidanza può essere complicato, specie nelle ultime fasi. La gestazione è infatti causa di cambiamenti radicali, che influenzano anche le operazioni di tutti i giorni. Ecco quindi come prendersi cura di te anche in ufficio.

Gestisci le nausee mattutine

Le nausee mattutine possono colpire non solo appena alzata, ma anche nel pomeriggio o la sera. Sono fastidiose a casa, ma sono ancora peggio sul luogo di lavoro o fuori. Per ridurne l’impatto, porta con te piccoli spuntini, così da non essere mai a stomaco vuoto.

Vai a letto presto

La gestazione può essere faticosa, specie nell’ultimo trimestre. Accertati quindi di dormire abbastanza in modo da avere abbastanza energie da affrontare la giornata. Opta per cene leggere e vai a dormire presto. Se possibile, fai qualche pisolino lungo la giornata.

Prendi appunti

Uno dei maggiori problemi legati a lavoro e gravidanza è la confusione causata dagli sbalzi ormonali. Il cervello si prepara per la maternità ed è frequente che le faccende di tutti i giorni passino in secondo piano. Per affrontare la cosa al meglio, prendi molti appunti: in questo modo sarai sempre sicura di ricordare le cose importanti.

La salute prima di tutto

La tua salute e quella del tuo bambino vengono prima di tutto. Ricorda che gli appuntamenti con il dottore sono più importanti del lavoro. Mettiti d’accordo con il tuo manager e concorda delle giornate dedicate alle visite mediche.

Muoviti

I cambiamenti fisici dovuti alla gravidanza potrebbero provocare crampi e mal di schiena. La sedentarietà propria di un lavoro da ufficio non fa altro che peggiorare la cosa. Cammina qualche minuto durante le pause e cerca di non pranzare alla scrivania.

Fonte: praguepost.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *