conservazione cordone ombelicale

Come le cellule staminali e una comunità hanno aiutato Andrew Burkhart, cinque anni, affetto da paralisi cerebrale

conservazione cordone ombelicaleAndrew Burkhart, cinque anni, è un bellissimo bambino americano affetto da paralisi cerebrale che si sta sottoponendo a trapianto autologo di cellule staminali con l’intento di curare la sua patologia, o quantomeno di ottenere dei benefici. Un trattamento che la famiglia non avrebbe mai potuto sostenere senza l’aiuto della comunità di Orange County.

I membri della Chiesa di Rock Harbor in Mission Viejo non sono presenti quando Andrew Burkhart, cinque anni e un tutore sulla gamba sinistra, corre fuori dalla clinica medica di Orange County, alla ricerca di lucertole e lumache. Ma certamente lui è nei loro pensieri.

Andrew è stato bloccato per un’ora in una camera iperbarica, per sottoporsi al trattamento per la paralisi cerebrale e ora – tutti d’accordo – ha davvero bisogno di muoversi. appena uscito, Andrew annuncia in trionfo di avere trovato Speedy, “una lucertola molto veloce”.
In un rituale adottato due settimane prima, all’inizio del trattamento che prevede trapianto autologo di cellule staminali e permanenza all’interno di una camera iperbarica, Andrew si sfida ogni giorno a trovare una lumaca in più di quelle che ha trovato il giorno prima. E oggi ha avuto successo.

Successo di un genere diverso, è quello in cui sperano i suoi genitori, un successo che dovrebbe arrivare dopo il trattamento. I medici del Mission Viejo’s Personalized Regenerative Medicine, una clinica specializzata in medicina rigenerativa, hanno preso le cellule staminali dal midollo osseo di Andrew e le hanno iniettate sue vene, nella speranza che le nuove cellule possano aiutare il suo corpo a combattera la paralisi cerebrale di cui è affetto.

Le sue capacità linguistiche e la sua mobilità stanno già migliorando – dicono i genitori Drew e Kellie Burkhart – più di quanto sia accaduto con i trattamenti tradizionali e le terapie fisiche che la famiglia aveva provato prima. È un risultato che non sarebbe stato possibile senza la chiesa di Rock Harbor in Mission Viejo.

La famiglia Burkhart vive a Phoenix. Il loro medico di famiglia suggerì che Andrew sarebbe potuto essere un buon candidato per una terapia basata sull’impiego di cellule staminali contro la paralisi cerebrale. Ma, trattandosi di una terapia ancora sperimentale, l’assicurazione sanitaria dei Burkart si rifiutò di coprire le spese. Oltre al pagamento del trattamento, la famiglia avrebbe inoltre dovuto trasferirsi in California e rimanere a Orange County, dove ha sede la clinica consigliata per il trattamento, per diverse settimane.

Così Kellie Burkhart si è messa al pc ed ha inviato un’e-mail a 20 chiese di Orange County, alla ricerca di qualche aiuto e di un alloggio. Ha detto di avere qualche soldo da parte, ma non abbastanza per coprire le spese per tutte le settimane necessarie. Bryan Hill è il viceparroco presso la Chiesa di Rock Harbor in Mission Viejo. Missione di Hill, egli dice, è “aiutare la persona che è davanti a noi.”. Così quando la lettera di Kellie arriva proprio davanti a lui, Bryan si è istantaneamente reso conto di poter aiutare.

“Uno dei membri della Chiesa andò ad abitare da un amico e ci offrì gratuitamente la sua casa per il soggiorno” racconta Kellie Burkhart con le lacrime agli occhi.E continuarono le gentilezze: “Il vicino della porta accanto ha passato ore a pulire la casa per prepararla per il nostro arrivo” continua Kellie Burkhart. “La moglie del pastore ci ha regalato una collezione di sconti per benzina, farmacia e drogheria”. Ci sono state offerte di babysitting, carte regalo per mangiare gratis nei ristoranti, adesivi e giochi per Andrew.

Dopo diverse settimane di trattamento, Kellie Burkhart racconta che la forza di Andrew sta aumentando: ha acquisito una maggiore mobilità nel lato sinistro del corpo e sta lottando per migliorare le sue capacità di linguaggio. Kellie inoltre racconta la sua esperienza du un blog, raggiungibile cliccando qui.

Questo invece è il servizio che la Nbc ha dedicato alla storia della famiglia Burkhart:

View more videos at: http://nbclosangeles.com.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *