Cellule staminali contro gli ictus

Trattamento a base di cellule staminali contro gli ictus

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo trattamento a base di cellule staminali da usare per contenere i danni cerebrali da ictus

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Un team di ricercatori dell’Università della Georgia ha sviluppato un trattamento a base di cellule staminali. Il trattamento è rivolto a chi ha subito danni cerebrali dovuti a ictus. Nei modelli animali, le cellule staminali hanno accelerato le capacità rigenerative naturali del cervello.

Lo studio

I professori Steven Stice e Nasrul Hoda hanno chiamato il trattamento AB126. Hanno usato vescicole extracellulari, strutture piene i fluido derivate da cellule staminali umane neurali. Queste cellule sono infatti in grado di introdursi nel flusso sanguigno e veicolare dosi di trattamento. In questo modo possono trasportare le sostanze necessarie oltre barriere non oltrepassabili dalle cellule normali.

Le vescicole extracellulari hanno il pregio di essere invisibili alle difese immunitarie. Riducono quindi le risposte negative dell’organismo e aumentano le possibilità di successo del trattamento.

Dopo la somministrazione di AB126, i ricercatori hanno usato la risonanza magnetica per misurare il grado di atrofia cerebrale. Hanno così rilevato una riduzione dell’area danneggiata del 35%, con una riduzione del tessuto perso del 50%. Risultati del genere non erano mai stati rilevati negli studi precedenti dello stesso tipo.

Sperimentazione umana nel 2019

I ricercatori sono partiti dalla sperimentazione su modelli murini. In un secondo momento, il dottor Franklin West ha usato le cellule staminali per replicare l’esperimento. La seconda fase è stata condotta sui maiali.

Sulla base di questi primi risultati, i ricercatori mirano a iniziare la sperimentazione umana nel 2019. In questo modo sperano di migliorare la ripresa e le funzioni motorie di chi ha subito un ictus.

Fonte: medicalxpress.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *