Cellule staminali cordonali: caratteristiche e proprietà

Che cosa sono le cellule staminali cordonali? Per cosa si distinguono? Perché vengono considerate particolarmente preziose e conservate? Presentiamo le principali caratteristiche di questa tipologia di staminali.Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Il cordone ombelicale è importantissimo: grazie a esso è possibile lo scambio di nutrienti tra la futura madre e il feto.

È dunque un organo fondamentale. In esso sono contenuti circa 60-80 cc di sangue, in cui è presente una particolare tipologia di staminali, definite cellule staminali cordonali.

Gli scienziati hanno individuato differenttipi di cellule staminali cordonali.

Le cellule staminali cordonali simil-embrionali possono differenziarsi in cellule dei tessuti endotermici (l’intestino), mesodermici (il derma, appunto) ed ectodermici (ilmidollo spinale.

Le cellule staminali cordonali mesenchimali invece danno origine alle cellule del tessuto osseo, cartilagineo, adiposo e nervoso, mentre le cellule staminali ematopoietiche a quelle del sangue.

Infine, dalle cellule staminali cordonali progenitrici endoteliali  si originano le cellule che formano i vasi sanguigni.

Le cellule staminali cordonali rappresentano un patrimonio molto prezioso perché esercitano un’azione anti-infiammatoria mediante il rilascio dei fattori umorali, come la prostaglandina E2.

Sono al centro dell’interesse della comunità scientifica per le loro differenziative e proliferative. Proprio per queste caratteristiche, le cellule staminali cordonali trovano impiegato nel settore della medicina rigenerativa. Si tratta della branca relativa alla rigenerazione degli organi o dei tessuti danneggiati, che rappresenta un’alternativa alla loro sostituzione.

Per una coppia che aspetta un bambino optare per la conservazione delle cellule staminali cordonali in una biobanca può essere una scelta importante. Queste staminali sono infatti utilizzate per il trattamento di oltre 80 patologie.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *