Anomalie cromosomiche e IVF

Gli embrioni con anomalie cromosomiche possono diventare sani?

L’impianto di embrioni con anomalie cromosomiche poco estese potrebbe avere esito positivo. Lo dimostra un nuovo studio sulla fecondazione in vitro

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Uno studio italiano ha alzato un nuovo quesito sugli embrioni con anomalie cromosomiche ottenuti da IVF. Secondo la ricerca, gli embrioni con un profilo cromosomico normale e uno anormale potrebbero sfociare in una gravidanza sana.

Il mosaicismo

Si parla di mosaicismo embrionale quando l’embrione presenta due o più linee cellulari geneticamente distinte. Di solito una di queste presenta un’anomalia cromosomica, mentre l’altra è perfettamente sana. Una linea farebbe quindi pensare al futuro sviluppo di una malattia o di disturbi, mentre l’altra no. Per questo motivo nella IVF si evita di impiantare gli embrioni di questo tipo.

Il tema è controverso e i ricercatori stanno discutendo riguardo l’effettiva possibilità che l’embrione sviluppi una patologia. Uno degli ultimi studi prova che un embrione con un solo profilo anormale potrebbe svilupparsi senza problemi, se impiantato in utero.

6 su 18

L’autore dello studio aveva già avanzato la sua idea nel 2015. In questa occasione riportò il caso di 18 donne i cui embrioni erano tutti caratterizzati da anomalie. Gli embrioni erano comunque stati impiantati. Di queste gravidanze, 6 avevano portato a un esito felice. Lo studio aggiungeva però che è ragionevole pensare che il mosaicismo riduca le possibilità di successo della IVF.

L’ultimo studio

L’ultimo studio analizza le variabili determinanti per lo sviluppo normale dell’embrione affetto da mosaicismo. È così emerso che l’estensione delle anomalie cromosomiche è un fattore determinante.

Il secondo studio ha coinvolto 73 donne che si erano rivolte alla IVF e prive di embrioni sani da impiantare. Gli studiosi hanno comunque analizzato le anomalie degli embrioni e hanno selezionato quelli con forme di mosaicismo. Hanno quindi classificato gli embrioni in base all’estensione delle anomalie cromosomiche.

Il 39,5% degli impianti di embrioni con mosaicismo lieve hanno avuto buon esito e hanno portato alla nascita di un bambino sano. In questi casi il tasso di aborti spontanei si è tenuto sul 7%. Invece, solo il 16,7% degli impianti di embrioni con mosaicismo esteso ha avuto successo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *