Primo figlio

Avere il primo figlio a 30 anni allunga la vita

Uno studio inglese rivela che le donne che hanno il primo figlio dopo i 30 anni tendono a vivere più a lungo

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Più il tempo passa, più per una donna diventa difficile avere un figlio. Uno studio della Coimbra University potrebbe però rivoluzionare quanto detto fin’ora. Gli autori hanno comparato l’aspettativa di vita delle madri Europee. È così emerso che chi ha avuto il primo figlio a 30 anni ha più possibilità di vivere a lungo.

Mamme più adulte e più longeve

I ricercatori hanno confrontato le aspettative di vita di un gruppo di donne intorno ai 65 anni. Hanno analizzato i loro stili di vita e annotato anche l’età che avevano al primo parto. È così emerso che le mamme più adulte sono anche quelle più longeve. L’età del primo figlio potrebbe quindi essere un elemento determinante per la maggiore o minore longevità di una donna.

Uno studio successivo collegato dà qualche informazione in più. Le donne che hanno partorito dopo i 30 anni hanno il triplo delle possibilità di avere il marker genetico della longevità. Ciononostante, neanche questo studio spiega perché partorire più tardi dovrebbe far vivere più a lungo.

Questione di cultura?

Alcuni ipotizzano che il merito della maggiore longevità sia di tipo culturale. Le donne che concepiscono dopo sono in media meglio educate. Vivrebbero quindi più a lungo grazie a uno stile di vita più sano, non per la gravidanza tardiva in sé.

Quale che sia il motivo, rimane il problema del calo della fertilità. Con l’invecchiamento diventa effettivamente più difficile avere figli. Per questo motivo i medici consigliano di non ritardare troppo la ricerca del primo figlio, là dove possibile.

Fonte: independent.co.uk

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcola e digita il valore numerico *